.
Annunci online

prontaapartire
...ma non adesso...


Diario


26 agosto 2011

I sacchetti di plastica



Seppur in vacanza da neanche 12 ore questa mattina mi sono dilettata al SuperMac, supermercato alle porte di Melpignano (domani pomeriggio tutto chiuso ci si preparara al concertone per La Notte della Taranta!).
Anche qui, dove la differenziata viene fatta e gestita in modo veramente mirabile, i sacchetti di plastica per la frutta e la verdura sono rimasti quelli di sempre.
E' diversi mesi che mi chiedo perchè sia stata data tanta enfasi al cambio delle buste della spesa, quelle dei negozi e supermercati, proprio quelle in cui stipiamo le mille calorie accuratamente scelte tra gli scaffali, per cui poi pagheremo, per smaltirle, salati abbonamenti per palestra, piscina o per acquistare tecnico abbigliamento da corsa-bici.  Avremmo iniziato ad utilizzarle comunque, anche senza articoli da più di 10 cartelle su tutti i quotidiani.  
Sei consapevole che sono più piccole, resistenti zero, per cui abbiamo dovuto rispolverare le passate abilità manuali dello shanghai anni 80 e diffondono un non gradevole olezzo di mais avariato, ma se sono biodegradabili va bene, in fondo tutto è questione di abitudine e i buoni comportamenti alla lunga pagano.
Ecco fino a qui ci siamo, anzi seppur con qualche scomodità quando torno a casa con tutte le mie scivolose buste ecocompatibili (perchè oltre ad essere biodegradabili le nuove produzioni sono anche ecocompatibili) mi sento un po' più europea...in fondo come detto ci vuole poco per essere soddisfatti.
Ma (c'è sempre un ma) perchè i sacchetti di plastica per ortaggi e frutta al peso sono rimasti gli stessi?  Sono mesi che me lo chiedo.
Mi capita, spesso, di acquistare 10 tipi diversi fra frutta e verdura, e quindi 10 sacchetti non ecocompatibili e non biodegradabili, tutti contenuti in un bel secchetto di nuova generazione.
Senza contare che mentre per le tradizionali e inquinanti buste un riciclo c'è sempre stato per le bustine della frutta il riciclo è praticamente nullo...fatto il nodo riuscire a non romperle per liberare il perfetto ed insapore pommodoro è praticamente impossibile.
Sono mesi che aspetto trepidante sacchetti di carta per insalata e albicocche con i quali mi sarei sentita assolutamente Euoropea.....Arriveranno??




permalink | inviato da pronta a partire il 26/8/2011 alle 12:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia     aprile        settembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Architettura / Ingegneria
2008, Life
2007, Life
2011, Life
2009, Life
2010, Life
Società / Politica / Costume
Viaggi / Libri / Cinema / Arte

VAI A VEDERE

Ottagono
CASABELLA
in area
MaXXi
MaCro
Triennale
Biennale
Tra le Righe
Calycantus
addb
Ombra
Artemisia
Skorpio
ioTocco
rip
Specchio
Gianna
Gians
Un Genovese a Roma
Wardrobe
tr3nta


 

 

       



  

     

 

CERCA